Login
opening gio 06 ago

Ordinary People

06/08/2015 - 28/08/2015

Mauro Maugliani
ORDINARY PEOPLE

Di Giorgia Calò

I ritratti di Mauro Maugliani non sono Pop, non elogiano, tantomeno celebrano, la cultura e la società di massa, non rappresentano volti fieri dei loro 15 minuti di celebrità, come siamo stati abituati a vedere nella ritrattistica di Andy Warhol, interessato a trasformare il personaggio di turno in icona.
I ritratti di Maugliani sono populisti, raccontano di una società, quella contemporanea, schiacciata dal tempo che incalza prepotentemente e che riesce a cannibalizzare qualsiasi cosa: affetti, valori, etica. Una società dello spettacolo profetizzata da Guy Debord negli anni Sessanta, dove il situazionista francese anticipava l’imminente trasformazione dell’individuo a causa del sistema economico, sociale e politico che il moderno capitalismo stava dando mano.
I personaggi messi in scena da Maugliani esprimono il loro vissuto, raccontano la loro storia personale attraverso lo sguardo e le espressioni del volto. Sta in questo la bravura dell’artista, capace di far parlare persone di strada, apparentemente anonime ma che costituiscono il tessuto di ogni società. Sono persone qualunque, senza alcun riferimento sociale o culturale, smarrite in un costante senso di precarietà. Potrebbero essere prostitute, modelle, barboni, impiegati, nessun indizio indica il loro background, eppure in tutti questi ritratti emerge un senso comune di malinconia, un senso di solitudine. In un momento in cui l’individualismo è centrale, il vuoto che si crea intorno diventa il male assoluto del vivere moderno. Il lavoro di Maugliani si può riassumere nelle sue stesse parole: “La mia opera descrive per mezzo della ritrattistica e dell’anatomia, l’alienazione improvvisa, lo smarrimento dell’individuo nel quotidiano vivere, svuotato di ogni sua funzione sociale”.

Quella ritratta da Maugliani è gente comune, ordinaria, che siamo abituati ad incontrare tutti i giorni per strada, o sul tram, o alla stazione. E’ gente a cui solitamente non prestiamo il minimo sguardo, perché’ loro stessi si alienano sotto le cuffie che trasmette una musica martellante o dietro alla lettura di un quotidiano. E’ quella stessa gente che non sembra curarsi minimamente di ciò che gli accade intorno, impegnata in  rituali quotidiani, gesti meccanici fatti con sufficienza. Poi facciamo la sorprendente scoperta che quelle persone siamo noi: l’Io è un altro, l’altro sono Io. In questa perdita della individualità si concentra il tema della solitudine.

Non è un caso che alcuni dei suoi ritratti siano letteralmente immersi nel blu, una sorta di liquido amniotico, come a voler ricreare la prima esperienza di solitudine dell’essere umano nel grembo materno. E’ un blu intenso, che sia olio su tela (la tecnica pittorica per eccellenza) o penna bic (mezzo non convenzionale ultimamente adottato da molti artisti), il risultato è straordinario, le stratificazioni che compongono l’immagine simulano l’epidermide del volto, facendo emergere tutte le imperfezioni di un viso “qualunque”, indugiando minuziosamente sulle pieghe, le rughe, le sopracciglia, le labbra, trasfigurandole come elementi informativi della complessità della personalità umana.
L’approfondimento di certi aspetti del volto porta a far emergere, oltre l’apparenza, quegli strati impercettibili fatti di umori, tensioni e sospensioni che si differenziano a seconda del soggetto ritratto. L’intento è quello di rappresentare l’essere umano per quello che è e non per come si mostra, avulso da ogni orpello o indizio che possa condizionarci nella percezione di ciò che vediamo.
Rimanendo sulle tecniche adottate dall’artista, sono molto interessanti anche i suoi lavori sonori. In questo caso Maugliani dipinge ad acrilico sopra un pattern di musicassette, retaggio di una cultura anni Ottanta ormai obsoleta. Da questo pannello emergono suoni che provengono dalla strada. Sono rumori a cui ormai siamo abituati e a cui non si presta neanche più attenzione. Anche in questo caso è sintomatico il senso di isolamento a cui si è costretti, quando intorno regna la confusione.
L’abilità compositiva di Maugliani va di pari passo con una sorprendente maturità espressiva, in cui spicca la quotidianità che poi non è altro che l’essenza dell’arte nella vita.

Spazio espositivo: Galerie Municipale Les Bains Douches Città: Antibes Indirizzo: Boulevard Aguillon 27

Partecipano all'evento

Seguono l'evento


commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
Utente disattivato - 17/04/2016 - 11:56:17
Great article ! :)
Dora Romano - 27/07/2015 - 15:33:54
In bocca al lupo! ;)
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved